Immagine

Cosa fare in caso di crisi epilettica?

I primi soccorsi in caso di crisi epilettica sono più semplici di quanto pensi la maggior parte delle persone. Lo dimostra un nuovo cortometraggio della Lega Svizzera contro l’Epilessia, prodotto in collaborazione con la Federazione svizzera dei samaritani.

“Progetti del genere sono molto importanti e abbattono le inibizioni”, ha affermato l’ex ginnasta Lucas Fischer, lui stesso affetto da epilessia. Nel cortometraggio, interpreta il giovane uomo colto da una crisi epilettica.

Con questo film, la Lega Svizzera contro l’Epilessia e la Federazione svizzera dei samaritani vogliono sensibilizzare sul tema quante più persone possibili in Svizzera. Infatti, ciò che molti non sanno è che nel nostro Paese da 70'000 a 80'000 persone circa vivono con l’epilessia. “Chi si trova di fronte a una crisi, non deve sapere molto per impedire lesioni gravi”, afferma il Prof. Dr. Stephan Rüegg, presidente della Lega Svizzera contro l’Epilessia.

Buono a sapersi

Primi soccorsi in caso di crisi epilettica

  • Rimuovere gli oggetti pericolosi e slacciare gli indumenti stretti.
  • Riporre qualcosa di morbido e sottile sotto il capo.
  • Non contenere i movimenti.
  • Non infilare nulla tra i denti.
  • Dopo la crisi: posizione laterale di sicurezza e controllare la respirazione.
  • Rimanere accanto alla persona finché ha ripreso del tutto coscienza.

Chiamare il 144 quando…

  • … la persona riporta delle ferite.
  • … la crisi dura più di tre minuti o si ripete.
  • … la persona non ha mai avuto altre crisi prima di quel momento.
  • … la persona è in pericolo di vita.
  • … si hanno dubbi quale soccorritore.